La civiltà rupestre Murgiana

Comunità monstiche medievali tra Oriente e Occidente

Il Residence prende il nome da un’antica chiesa edificata in onore di San Gennaro che si trovava nell’omonima via nei pressi della nostra struttura. Le abitazioni stesse presentano caratteristiche architettoniche tipiche della cultura monastica e non di quella contadina. Questi luoghi furono infatti abitati da frati francescani che convivevano assieme ad altri gruppi di monaci.

Nel periodo compreso tra l’VIII e il XIV secolo, Matera, grazie anche ad una posizione di passaggio, fu un importante polo di attrazione per varie comunità monastiche anche di cultura bizantina. Queste contaminazioni influenzarono fortemente il fenomeno del monachesimo in questo territorio, soprattutto nella sua espressione artistica più particolare: le chiese rupestri. Il territorio circostante è caratterizzato dalla presenza di oltre 150 chiese rupestri scavate nella roccia calcarea, in buona parte visitabili.

Su una facciata della struttura è ancora presente lo stemma risalente all’ordine francescano delle due braccia incrociate sotto una croce: il braccio coperto dal saio è quello di S. Francesco, l’altro spoglio è quello di Cristo, simbolo dell’indissolubilità tra l’ordine francescano e la Chiesa di Cristo.

Sulla facciata principale di questa residenza invece, un occhio più attento noterà delle croci scolpite nel tufo. Non sarà una coincidenza che proprio a pochi minuti dal Residence San Gennaro si trova la meravigliosa chiesa dedicata a San Francesco d’Assisi.

Fu durante il Settecento che questa chiesa raggiunse il suo massimo splendore con la costruzione di una magnifica facciata in tardo barocco, luminosa ed armonica, opera degli architetti Vito Valentino e Tommaso Pennetta. Alcuni cronisti narrano che nel 1218 ospitò San Francesco d’Assisi in persona.

francescana

calcarenite-p

Curiosità

Molte delle chiese rupestri sono state scavate nel calcare dolce e spesso della gravina. Questa tipologia di tufo, con cui sono state edificate anche le case dei Sassi, viene definita calcarenite ed è una roccia sedimentaria formata da piccole particelle di calcare. La calcarenite è un sedimento carbonatico tenero e facilmente lavorabile. Ciò ha permesso fin dalle epoche preistoriche di cavarla manualmente dalle grotte naturali per meglio adattarle alle esigenze umane.
                                                                                             logo-png